Questo sito usa cookie per fornirti un'esperienza migliore. Proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra OK

Le Repubbliche Marinare

Data:

09/03/2020


Le Repubbliche Marinare

Conferenza e presentazione della traduzione in danese delle Tavole Amalfitane con il professore Ditlev Tamm e gli autori Kirsten e Axel Kierkegaard.

 

Le Tavole Amalfitane: uno spaccato dell'avventura dell'apogeo di Amalfi come città mercantile nel Medioevo

 

Nell'ex arsenale di Amalfi, ora diventato museo, è esposto un manoscritto del 1500, che contiene 66 capitoli sulla regolamentazione del commercio marittimo nel Mediterraneo. Tuttavia, l' originale, che ora è andato perduto, è molto più antic0. Risale probabilmente all'1100.

I regolamenti danno una vivida impressione di come gli amalfitani organizzarono il vasto commercio marittimo, facendo della città un fiorente centro commerciale con stazioni commerciali in diverse città, tra cui Costantinopoli e Il Cairo. Gli amalfitani erano abili uomini d'affari che inventarono nuovi modelli di finanziamento per la costruzione e l'equipaggiamento delle navi in modo che anche persone di ceto sociale modesto potessero partecipare all'avventura. Si ha anche l'impressione di quanto fosse rischioso spostarsi sul Mediterraneo in una nave carica di merci preziose. Il mare brulicava di pirati e le tempeste erano frequenti, quindi era necessario gettare il carico in mare per salvare ciò che poteva essere salvato. Queste condizioni regolano anche le disposizioni.

Amalfi non era l'unica città commerciale medievale del mare - la "repubblica marinara". Si dovrebbero anche menzionare Pisa, Genova e Venezia. Ma Amalfi è stata la prima a sfruttare il mare come un'importante rotta commerciale.

Come questa raccolta di regole e decreti- certamente una trascrizione - sia stata preservata nel corso dei secoli per finire alla fine nella sua città di origine è una storia interessante ed anche affascinante.

I tre autori del libro "Amalfitavlen/Tavole Amalfitane", Kirsten Kierkegaard, Axel Kierkegaard e Ditlev Tamm si sono impegnati non solo a tradurre i 66 capitoli - 21 in latino, 45 in lingue vernacolari, ma anche e soprattutto a renderli comprensibili al lettore comune. La loro speranza è che il libro apra gli occhi del lettore a questa epoca unica nella storia dell'Italia.

 

Informazioni

Data: Lun 9 Mar 2020

Orario: Dalle 19:00 alle 21:00

In collaborazione con : Società Dante Alighieri København

Ingresso : Libero


Luogo:

Istituto Italiano di Cultura, Gjørlingsvej 11, 2900 Hellerup

1153